INIZIO…

Inizio.. è una parola che mi è sempre piaciuta, determina appunto l’inizio di un qualcosa, qualsiasi cosa, e io sono esperta nell’iniziare cose. Apro questo blog non con la presunzione che un sacco di gente lo legga e si appassioni a quello che scrivo ma semplicemente per evolvermi, ho sempre preferito scrivere su fogli di carta perchè credo che rendano ciò che sto scrivendo più autentico. Un foglio di carta lo ritrovi nel tempo rovinato e ingiallito ma se esso perde valore ne acquistano le parole scritte, quelle paroline in fila indiana che attendono il loro turno per essere lette. Mi piace preservare quei fogli di carta per tenermi qualcosa di mio ma allo stesso tempo eccomi qui a comunicare a tutti parte delle cose che mi passano per la testa. Tendo ad iniziare sempre molte cose, ho gli Hobby facili, ma purtroppo a completarne ben poche e anche se mi impongo ogni volta di portarle a termine odio la parola “FINE” e forse è per questo che le lascio aperte aspettando di appassionarmici ancora una volta magari a distanza di giorni, mesi o addirittura anni. In uno dei miei ultimi mini-viaggi sono stata a Firenze e prendendo un taxi mi sono messa ad ascoltare la radiolina che comunicava con l’autista (forse per l’invadenza del rumore di quelle voci) ed ho notato che alla fine di ogni comunicazione dicevano la parola “Ultimo”, l’ho trovato strano, non il solito PASSO E CHIUDO che sono abituata a sentire. L’ho trovato brutto, “Ultimo” come se quello fosse l’ultimo viaggio di quell’autista o ancora peggio di noi che ci siamo sopra, eppure sul volto dell’autista che decisi di chiamare Giorgio, c’era un gran sorriso come se alla fine di quella corsa gli avessi dato un milione di euro o gli avessi detto che il suo più grande desiderio si stava per avverare. Giorgio era silenzioso ma simpatico, quella simpatia che non comunichi parlando ma da semplici gesti come uno sguardo o un cenno con la testa. Arrivata a casa non gli ho dato un milione di euro e nemmeno gli ho detto che il suo più grande desiderio si stava per avverare ma l’ho salutato con uno dei miei migliori sorrisi e ho sperato che bastasse.

.Ultimo.